ARCIERI -MESTIERI E MUSICI
Annunci Turismo
Vacanze - Agenzie Viaggi - Alberghi - Hotel - Bed & Breakfast - Case Vacanza - Agriturismo - Campeggi - Offerte pernottamenti - Offerte soggiorni


Invia il tuo annuncio gratuito
 

Cerca tra tutti gli annunci

Annunci Turismo

Non verranno accettati annunci di case vacanza senza il codice di classe energetica. Dal 1 Gennaio 2012 diventa obbligatorio dotare case, ville, appartamenti, edifici, unità immobiliari dell'attestato di prestazione energetica scrivendo nell'annuncio immobiliare l'indice di prestazione energetica contenuto nell'APE.

ARCIERI -MESTIERI E MUSICI
Data: 14-07-21 18:50
Nome: info@ema70.it
Città: milano
Contatta l'inserzionista via mail
Telefono: 3351292893
Sito web: www.ema70.it
ARCIERI -MESTIERI E MUSICI

La Compagnia Arcieri è nata nel 2004 inizialmente allo scopo di conoscere, approfondire e promuovere l' arcieria storica. Negli anni successivi l'associazione si è ampliata con l'inserimento di altre attività culturali come la musica antica, la danza, la ricostruzione di antichi mestieri e altre attività in relazione con la rievocazione storica e l'archeologia sperimentale.
Ogni anno i componenti dell’Associazione partecipano a numerose manifestazioni culturali e rievocazioni storiche riscuotendo sempre interesse.
Nel 2015 la Compagnia è stata segnalata, dalla rivista “Medioevo” fra i migliori cinque gruppi storici d’Italia.
Fra le principali attività culturali della Compagnia vi è la realizzazione di laboratori didattici, nel corso dei quali vengono mostrati alcuni mestieri medievali, con la possibilità di parteciparvi attivamente.
Per comodità espositiva di seguito verranno descritti i singoli banchi con la specifica attività .

TINTORE : Con il laboratorio del tintore gli studenti ed il pubblico hanno modo di osservare la tintura delle stoffe con pigmenti naturali, con un procedimento comunemente in uso nel basso medioevo. Le stoffe attraversano prima un passaggio chiamato mordenzatura, poi vengono tinte con la radice di robbia per ottenere il rosso e con la curcuma per ottenere il giallo (la curcuma nel medioevo era usata più come spezia che come tintura, ma noi abbiamo deciso comunque di usarla perché più immediata). Vengono anche spiegate altre tinture, con particolare attenzione al guado, usatissimo a Rieti e in Toscana, nel medioevo e in età moderna.
SCRIPTORIUM : I visitatori e gli studenti possono essere trasportati sui banchi di scuola di 700 anni fa, imparando a realizzare e poi ad utilizzare l’inchiostro ferrogallico, il più famoso inchiostro in uso nel medioevo. Viene mostrata la realizzazione partendo dalle galle di quercia, il solfato di ferro, la gomma arabica e l’aceto, secondo un procedimento descritto in diverse fonti dell’epoca. Alla fine con una penna d’oca o di falco potranno provare a scrivere su uno scrittoio, ispirato alle iconografie, intingendo la penna in un calamaio ricavato da un corno.
FABBRO: Il banco del fabbro, sempre molto seguito, consente di vedere in azione il mantice , la forgia e i principali utensili usati da un fabbro del basso medioevo che dal vivo, scaldando il ferro nella sua forgia, realizza punte di freccia o fibbie.
ALCHIMISTA : L’alchimista spiega brevemente le fasi della trasmutazione alchemica, gli strumenti utilizzati per creare la pietra filosofale, e mostra un esperimento un po’ più “profano”, ossia la preparazione della polvere nera, la polvere pirica utilizzata per le armi da fuoco, per poi accenderla in totale sicurezza, altro interessante esperimento è la trasformazione del rame in metallo color oro.


ARCAIO: oltre ad una esposizione di archi occidentali e orientali, realizzati interamente a mano con utensili tradizionali, si possono osservare anche fasi di costruzione di un arco storico utilizzando raspa, ascia e coltello a due mani. Il banco è completato da altri oggetti, quali collanti naturali, tendine, corno, filo di lino cerato, cuoio, coltelli e pietre per affilare.
FRECCE: una completa esposizione di frecce, con diverse punte, in selce, in osso levigato, orientali, saracene , ungare, inglesi, italiche, da guerra, da caccia, da segnalazione e incendiarie. Nel contempo il visitatore può osservare la realizzazione manuale di frecce storiche con pollini di nocciolo e collanti naturali.
LA CURATRICE POPOLARE : Ispirandosi a Santa Ildegarda, la curatrice spiega alcuni rimedi naturali con le spezie e perfino con i minerali, il tutto unito ad una sana e corretta alimentazione.
SPEZIALE: lo speziale era colui che preparava le medicine utilizzando erbe e spezie. Iperico, verbena, tarassaco, artemisia, ruta, salvia, mandragora. Di ogni erba e spezia ne viene spiegato l’utilizzo. Lo speziale medievale era ricercato anche per la realizzazione di saponi e tinture per i dipintori.
CANDELAIA con cera d’api e con un piccolo focolare, la candelaia costruisce sul momento delle candele applicando il metodo tradizionale. Le candele posizionate su una ruota girevole prendono forma gradualmente sotto gli occhi del visitatore.
DIPINTORE : utilizzando colori naturali come guado, azzurrite, curcuma, la dipintrice colora dei tavolacci per i fanti e mostra la realizzazione dei colori

ARMAIOLO : nel banco vengono mostrate alcune armi interessanti, curiose e poco conosciute, del XIII° secolo. Non solo le classiche spade ma elmi, falcioni e armi in asta utilizzate dalle fanterie di tutta Europa e perfettamente riprodotte seguendo l’iconografia dell’epoca.
MUSICI : esposizione di strumenti medievali ricostruiti fedelmente, fra cui pive medievali, ciaramella, flauti, organo portativo, davul, tamburi a cornice e tamburi vari, tutti con membrana in pelle naturale e tiranti in corda.
I banchi espositivi sono strutture in legno, munite di copertura con base di circa 1,50 x 1 m, ogni banco ha altri accessori “esterni” che lo completano, tipo la mola per l’armaiolo, il focolare per il tintore e per la candelaia, l’espositore per gli archi, il paglione per il tiro, due espositori verticali per lo speziale e il tintore, due panche, ed altri accessori che possono essere portati se lo spazio lo consente. Indicativamente possiamo occupare dai 20 metri quadrati fino ad oltre 60. Per quanto riguarda la tenda ne abbiamo due, una longobarda che usiamo solo per quel tipo di rievocazioni e una più piccola del XIII ° sec. che può essere montate solo su terreno.
8 elementi che si suddivideranno nei 7/8 banchi espositivi fra quelli sopra esposti. Nei momenti più indicati e di concerto con l’organizzazione alcuni elementi della compagnia potranno esibirsi suonando brani medievali con strumenti filologici. Infine l’arcaio e i suoi collaboratori potranno mostrare alcune tecniche di tiro in uso nel medioevo.
Sotto la guida di esperti maestri d’arco il pubblico potrà provare gratuitamente, in orario stabilito e in totale sicurezza, la tecnica di tiro istintivo con arco storico.
In sintesi la compagnia garantirà un nutrito programma, da concordare con l’organizzazione e una costante attività suddivisa fra banchi espositivi, musica medievale con strumenti filologici e dimostrazioni di arcieria storica con archi realizzati fedelmente.

Info e contatti:
www.ema70.it - info@ema70.it
https://www.ema70.it/spettacoli_medioevali.php
Tel: +39.02.99767745 - Mob: +39. 335.1292893



ARCIERI -MESTIERI E MUSICI
ARCIERI -MESTIERI E MUSICI
ARCIERI -MESTIERI E MUSICI
ARCIERI -MESTIERI E MUSICI
ARCIERI -MESTIERI E MUSICI